E ancora…Schwarzkirsche Torte

10366063_588609111288628_2851463985222487776_n

Ciao a tutti. Eccomi di nuovo qui. Oggi è il mio diciannovesimo compleanno e mia madre ha voluto rifarmi la Torta della Foresta Nera come l’anno scorso. Che gioia!!! Sembra ieri di stare a spegnere le candeline dei 18 anni ed ecco passato già un anno. Il tempo vola e sento già qualche responsabilità sulle spalle. Dedico poco tempo al blog perchè sono concentrato sullo studio,vorrei terminare l’ultimo anno con bei voti e trovare cosi,magari, un buon lavoro che mi permetta di realizzare i miei primi sogni. Ce la sto mettendo tutta e non voglio arrendermi. La strada è in salita,tra corsi pomeridiani,compiti in classe,interrogazioni,preparazione agli esami di maturità, mi aspettano 5 mesi di inferno. Il mio sogno mi darà una mano,come sempre. Qui di seguito vi lascio il link dell’articolo dell’anno scorso sulla torta dei 18 anni. Un abbraccio di cuore a tutti.

https://tuttogermania.wordpress.com/2015/03/01/schwarzkirsche-torte-dei-miei-18-anni/

Leichttraktor VK-31

800px-Leichttraktor_Rheinmetall_assembled_1930_side

Il Leichttraktor VK-31 (Versuchtkonstruktion 31) fu il primo carro armato progettato e costruito in Germania. Parliamo dell’anno 1930 quando avvenne il suo primo collaudo. Progettato e costruito dalle aziende Krupp e
Rheinmetall-Borsig inizialmente nel 1931 furono ordinati 289 modelli,ma successivamente l’ordine fu ritirato e furono costruiti soltanto 4 modelli rimasti come prototipi. La storia di questo carro è alquanto bizzarra perché nel giugno 1919 la Germania firmò il Trattato di Versailles con il quale si ponevano limitazioni sulla ricerca militare,ma i tedeschi continuarono di nascosto le ricerche e Leichttractor Versuchtkonstruktion 31 significa ”trattore leggero,modello di prova 31” questo per nascondere il vero nome di trattore d’artiglieria.

Lunghezza: 4,21 m

Larghezza: 2,27 m

Altezza: 2,26 m

Peso:  8 – 9,5 t

Motore: Daimler-Benz M36 a 6 cilindri, alimentato a benzina

Potenza: 100 hp (75 kW)

Trazione: cingolata

Sospensioni: a balestra

Velocità:  35 km/h

Armamento primario: cannone KwK da 37 mm

Armamento secondario:  mitragliatrice leggera da 7,92 mm

Corazzatura:  14 mm

 

Featured Image -- 454

#MammeConLaValigia

La forza di una mamma!

Intanto in Tedeschia...

cambiare vita

Eccolo qui, il primo post del 2016!

Rispondo ad un’intervista che sta facendo il giro del mondo e si rivolge a noi mamme che abbiamo cambiato vita, insomma si va sul personale!  Grazie al Tag #mammeconlavaligia di Alessandra meglio conosciuta come  Una Romana in Americaecco a voi le 10 domande a cui ho risposto, così ci conosciamo un po’ meglio…

View original post 668 altre parole

Featured Image -- 436

WEEKEND A MONACO DI BAVIERA

Bellissimo viaggio di Viviana

viviana vialetto

Cosa fare a dicembre in clima prenatalizio? Trascorrere qualche giorno a Monaco, tra mercatini di natale, boccali di birra, caldarroste e bevande calde da sorseggiare tra le strade fredde della città. Questo è il secondo anno consecutivo che nello stesso periodo la visitiamo molto volentieri.

DSC_0970 (633x1024) Negozi e luci natalizie

Monaco di Baviera (München) è una città tedesca della Germania meridionale, situata sulle rive del fiume Isar. E’ una città caratterizzata da parchi, grandi aree pedonali, musei, chiese barocche e rococò. Inoltre è conosciuta per il folclore ancora molto vissuto, per il festival della birra, l’Oktoberfest, e per la posizione strategica in prossimità delle Alpi.

20141116_094843 (1280x960) Abiti bavaresi colorati

20141116_112731 (960x1280) Ingresso di una birreria

Ci abbiamo trascorso due giorni, che non è molto tempo, ma per girare il centro e passare una serata in clima bavarese vanno più che bene.

Appena arrivati abbiamo fatto una passeggiata nel centro storico in direzione Marienplatz. Lungo le strade illuminate dalle…

View original post 354 altre parole

Il 2016 sta arrivando…

Buonasera a tutti! Eccomi di nuovo qui. Questa sera colgo l’occasione per farvi delle domande sul nuovo anno che sta arrivando. Cosa vi aspettate dal 2016? Che progetti avete? Che libro volete leggere? Quale città volete visitare? Insomma sono curioso delle vostre aspettative!

La partita di calcio che fermò la Grande Guerra

E così, mentre nelle terre di nessuno morivano uccisi da proiettili vaganti ragazzi di poco più di venti anni, l’intera Europa vide distrutta una intera generazione nel gelo, negli orrori e nelle paure: tutti trasformati in carne da cannone, una poltiglia umana informe da veder morire contro nemici sconosciuti, figure lontane da far sparire con i proiettili, come puntini sull’orizzonte.

Eppure, quella notte della Vigilia di cent’anni fa fu speciale: ad Ypres, in Belgio, si trovavano a pochi metri di distanza le trincee dei soldati tedeschi e di un reggimento britannico. Fattasi notte, i tedeschi cominciarono a piazzare delle candele sui bordi della trincea, cantando tipiche canzoni di Natale: alla fine del primo canto la trincea inglese applaudì e cominciò a cantare canzoni in lingua anglosassone. Anche i tedeschi applaudirono. Il freddo era intenso e pungente e copriva l’odore dei cadaveri putrefatti, che creava un macabro teatro attorno all’incontro canoro, ma dopo un secondo scambio di applausi, cominciarono ad uscire timorosi, a passi lenti ed inciampando fra le gambe e le braccia strappate a chissà quali uomini, tutte disperse sul terreno gelato. Di lì, si guardarono negli occhi: ragazzi di diverse nazionalità, tutti uguali. Gli inglesi non conoscevano il tedesco, ma molti soldati tedeschi conoscevano l’inglese e riuscivano a comunicare bene: ognuno cominciò a donare qualcosa al nemico, arrivando anche a scambiarsi elmetti, stivali e divise. Poi spuntò un pallone, non si sa da quale trincea.
Secondo quanto riportano diverse lettere di soldati tedeschi ed inglesi, fu disputata una amichevole fra Inghilterra e Germania in quell’orribile campo di battaglia fra le trincee. Scelte le squadre in fretta, il pallone si sostituì ai proiettili ed i soldati giocarono numerose partite con gli stessi animi leggeri che oggi animano i campetti di provincia. La partita fu un successo: durante la lunga notte della Vigilia furono giocati numerosi match fra soldati avversari, ma l’unico di cui si ha notizia fu un “Germania-Inghilterra 3-2”, raccontato in una lettera dal vignettista Bruce Bairnsfather, all’epoca capitano di un reggimento di mitragliatrici. Alla fine della partita, gli avversari si scambiarono abbracci e biglietti di auguri nelle rispettive lingue d’origine. Si fece infine l’alba ed i soldati si ripromisero di organizzare una nuova partita per il 25 dicembre, ma la notizia della insubordinazione e della tregua non autorizzata era già arrivata ai comandi delle rispettive nazioni in guerra, che reagirono con una ferocissima repressione di condotte così sovversive: agli improvvisati calciatori fu comminata la pena più grave per i codici di disciplina militare: la morte mediante decimazione. Non solo avevano commesso un atto di insubordinazione, ma anche avevano fraternizzato con il nemico. Subito dopo furono ordinati bombardamenti sanguinari lungo tutto il fronte occidentale, per scoraggiare qualunque possibile nuova tregua volontaria. E così, il giorno dopo la Vigilia di Natale, nelle tasche delle migliaia di cadaveri inglesi che si accumularono nelle trincee, furono trovati numerosi foglietti con scritte di auguri in tedesco e viceversa nelle trincee avversarie: le ultime testimonianze di quella partita notturna che ricordò ai militari al fronte che, in altri tempi, sarebbero stati ragazzi felici. A questa vicenza furono girati diversi film,ma soprattutto un video,bellissimo è dire poco,dove questi ragazzi mettono da parte l’odio e decidono di giocare,uniti,come fratelli. Lo trovo emozionante.

Fonte:

http://futboltrotter.com/2015/12/24/la-partita-di-calcio-che-fermo-la-grande-guerra/

Buon Natale a tutti!

205fq50Che sia un giorno di gioia con i vostri cari e con le persone che amate. Un sincero augurio di Buon Natale a tutti i blogger che seguono il mio blog! Frohe Weihnachten!!